Dentosofia: anche i denti hanno un significato?

La Dentosofia, considerato non solo strumento ortodontico, ma anche riabilitatore posturale e armonizzatore psichico, ci offre l’opportunità di considerare i denti come una sorta di zona di apprendimento e di trasformazione di noi stessi. Questa visione terapeutica considera la bocca una porta d’ingresso per agire sul corpo intero fino alla psiche.


È vero che cavo orale, corpo e mente sono collegati?

Assolutamente sì. Il nostro cavo orale è costituito da diversi elementi oltre ai denti, come ad esempio i muscoli, nervi, sangue ossa e articolazioni in continua fase dinamica e interconnessi tra loro. Se in tale equilibrio inserissimo la repressione di sentimenti come rabbia, gioia e frustrazione tramite contrazione del cavo orale, questo comporterebbe a deformazioni estetiche. Il cranio e il viso, dunque, esprimono le contrazioni e le espansioni determinate dalla nostra risposta a vari stimoli ambientali ed alla nostra incapacità di gestire le emozioni. Ecco allora che, guardando semplicemente il viso di una persona, possiamo farci un’idea del suo percorso di vita. Dallo studio della forma del volto sono stati evidenziati cinque gruppi caratteriali:

  • viso bilanciato e simmetrico, esprime un equilibrio tra dovere e fantasia;
  • viso con ipersviluppo mandibolare, indica una predominanza del dovere;
  • viso con mascellare superiore e cranio ipersviluppati, esprime un notevole sviluppo della fantasia e un’elevata e spigliata intelligenza;
  • viso asimmetrico a destra, indica una difficoltà nel rapporto col sesso maschile;
  • viso asimmetrico a sinistra, indica una difficoltà nel rapporto col sesso femminile.

Prenota la tua visita in uno dei nostri Centri

Verrai contattato in pochi minuti dal nostro servizio pazienti.

 


La posizione dei denti: quale significato hanno?

Oltre alla forma del viso, anche la posizione dei denti ha un preciso significato nella Dentosofia. Partendo dagli incisivi centrali, essi corrispondono alla figura del padre (incisivo centrale destro) e della madre (incisivo centrale sinistro). Quando quest’ultimi sono in linea tra di loro significa che l’individuo realizza la ‘coppia interiore’, cioè l’unione tra parte femminile e maschile che lo rappresenta.

Gli incisivi laterali superiori interpretano le reazioni della persona nei confronti del modello maschile e femminile. Ad esempio se questi sono più in avanti rispetto a quelli centrali indicano che il soggetto ha rifiutato l’invadenza del padre o della madre (o anche di entrambi).

canini compaiono verso i 13-14 anni ed intorno a quest’età si sviluppa la parte sessuale interiore ed esteriore. Il canino corrisponde alle grandi trasformazioni interiori e a tutte le mutazioni che avvengono durante l’adolescenza del ragazzo/a.

premolari corrispondono all’Io, al luogo in cui è inscritto il desiderio individuale. Potremmo tradurne il significato con ‘Io voglio’.

I primi molari compaiono verso i 6-7 anni, nel momento in cui il bambino comincia a prendere il posto che gli compete. Si può dire che questi denti corrispondono al desiderio di venire riconosciuti nel posto che vogliamo occupare.

secondi molari compaiono verso i 12 anni, e riflettono il rapporto dell’individuo con l’altro, ossia il suo modo di proiettarsi sull’altro, e il riflesso che l’altro gli rimanda.

denti del giudizio compaiono verso i 21 anni, e corrispondono all’integrazione del piano spirituale. In questi denti si cristallizza l’energia dell’individuo collegata alla coscienza collettiva, alla coscienza universale: essi dunque esprimono l’atteggiamento della persona nel riunirsi alla propria parte mistica. Rappresentano l’uomo nel mondo spirituale.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Ti potrebbe interessare
Primo

Primo

Prenota la tua visita

Prenota la tua visita in uno dei nostri Centri

Compilando il form verrai contattato in pochi minuti dal nostro servizio pazienti.

Oppure chiamaci al numero verde 800959564

X
Chiudi il menu