Mal di gola e dolore ai denti: se fosse un’infezione dentale trascurata?

Il mal di gola è un disturbo piuttosto frequente, tanto negli adulti quanto nei bambini: durante la stagione invernale il mal di gola, insieme al raffreddore e agli altri sintomi influenzali o parainfluenzali come dolori muscolari e febbre, è la spia di un malanno di stagione che va tempestivamente curato affidandosi al proprio medico di fiducia.
Non sempre però il mal di gola è dovuto esclusivamente ad un virus influenzale o parainfluenzale: ci sono casi in cui il dolore e l’infiammazione alla gola possono derivare dai denti.

Il rapporto tra gola, naso e denti infatti è più stretto di quanto si possa pensare: d’altronde l’apparato respiratorio e quello dentale e masticatorio si trovano molto vicini. Nel caso specifico della gola poi, si tratta anche di apparati comunicanti, dunque non deve stupire che un problema ai denti – che può essere di varia natura – possa  riflettersi sulla gola o, viceversa, che un problema legato alle vie respiratorie possa coinvolgere anche i denti.

Quando sono i sintomi respiratori a determinare il dolore dentale è perché, il più delle volte, si tratta di infiammazioni dei seni paranasali – come nel caso di rinite o sinusite cronica – i quali a loro volta, trovandosi all’interno delle ossa mascellari, finiscono per determinare quel dolore tipico che coinvolge tutta la dentatura. Anche un banale raffreddore può provocare un’infiammazione delle cavità nasali e dei seni paranasali che finiscono per andare a coinvolgere la radice dei denti, provocando dolori piuttosto riconoscibili. In questi casi per risolvere il problema dentale occorre in primo luogo curarne la causa, quindi agire sui sintomi del raffreddore o della sinusite.

Al contrario, se a determinare il mal di gola sono proprio i denti, si aprono diverse strade diagnostiche da prendere in considerazione.

Vediamole insieme.

Mal di gola: quando è colpa di un’infezione dentale

mal di gola

Non è proprio semplice individuare un mal di gola causato da problemi dentali, a meno che questi non siano più che evidenti. Sicuramente ogni qual volta si pensa di avere un mal di gola scatenato da un’infezione o da un’infiammazione dentale, è buona norma recarsi immediatamente dal proprio medico dentista di fiducia che, attraverso un’attenta anamnesi, saprà individuare le cause e prescrivere la terapia più adatta.

In molti casi il mal di gola, così come un’infiammazione ai seni paranasali, può essere causata da un’infezione ai denti, specie ai molari superiori. Se un’infezione dentale colpisce un molare o un primo molare superiore, può estendersi – soprattutto se non curata tempestivamente – anche ai seni paranasali procurando al paziente una sinusite mascellare odontogena. In questo caso il dentista è l’unico in grado di valutare la situazione e trovare la terapia più adatta, andando in primis a curare l’infezione dentale.

Inutile in questi casi assumere antinfiammatori per la cura della sinusite se il problema è di natura dentale: se non si risolve quello è difficile calmare il dolore alla gola o all’apparato nasale.

Il mal di gola può avere origine anche da altri problemi ai denti, come ad esempio una carie trascurata che raggiunge la polpa dentale complicandosi fino a determinare un ascesso dentale il cui dolore può irradiarsi fino alla gola. Stessa cosa per pulpiti, cisti o granulomi non adeguatamente curati.

Altra volte la causa del mal di gola non è prettamente dentale, ma deriva dalla presenza di afte. Queste lesioni della mucosa possono originarsi a causa di un uso maldestro dello spazzolino da denti che, durante la consueta pulizia quotidiana, può causare piccole abrasioni che evolvono in alcuni casi in afte. Se le afte interessano le gengive e il cavo orale, come nel caso di una stomatite aftosa, ecco che può scatenarsi anche il mal di gola.

Dolore ai denti e mal di gola: attenzione al dente del giudizio

Dal momento che le infezioni dentali non curate, o non curate tempestivamente, possono dare origine al mal di gola, occorre specificare che nel caso dei denti del giudizio bisogna prestare la massima attenzione.

I denti del giudizio solitamente sono gli ultimi a erompere dalle gengive e molto spesso sono causa di problemi legati all’intera bocca. Un dente del giudizio che non riesce a erompere la gengiva o rimane incluso totalmente o parzialmente, può causare un accumulo di batteri e lasciare aperta la porta ad un’infezione. Allo stesso modo se il dente del giudizio si infetta, potrà dare luogo a numerosi problemi, alcuni dei quali anche gravi.

Tra le conseguenze più pericolose di un’infezione batterica al dente del giudizio non adeguatamente od immediatamente curata c’è infatti la cellulite batterica.
La cellulite batterica si origina in particolar modo da infiammazioni gengivali che possono estendersi anche alla guancia, alla lingua e scendere fin nella gola, provocando dolore.

Si tratta di una complicanza molto pericolosa perché se non curata tempestivamente può causare non solo mal di denti e mal di gola, ma anche edema della glottide con tutti i pericoli legati ad una situazione di questo tipo.

In caso di dolore ai denti del giudizio che si irradiano anche alla gola è dunque fondamentale correre subito nello studio dentistico per sottoporsi a tutte le cure del caso.

Altre volte invece a dare origine ad  un mal di gola da cause dentali è la linfoadenite, ovvero un’infezione dei linfonodi causata a sua volta da un’infezione dentale come un granuloma od un ascesso, non tempestivamente curati. In questi casi il mal di gola è più che altro dovuto all’ingrossamento dei linfonodi.

Mal di gola di origine dentale: rimedi

Avere cura dei propri denti è fondamentale, per questo sottoporsi a visite di routine presso il proprio dentista di fiducia è fondamentale per assicurarsi di avere sempre denti sani e in salute. Qualsiasi tipo di mal di gola che non si accompagna a sintomi influenzali o parainfluenzali, come un raffreddore o simili, va sempre attentamente valutato, soprattutto se comporta anche un rialzo di temperatura e dolori che interessano la zona dei denti, della mascella, della zona mandibolare e del collo.

In questi casi infatti la presenza di infezioni dentali che vanno a toccare il nervo del trigemino ad esempio, come può accadere nel caso delle infezioni ai denti del giudizio, richiede un intervento tempestivo per scongiurare le cause che hanno generato l’infezione e il conseguente mal di gola. Tra i rimedi che il dentista andrà a prendere in considerazione in base alla sintomatologia che gli si presenterà, c’è il ricorso agli antibiotici per la cura delle infezioni, interventi di pulizia e conservazione dentale e anche la terapia estrattiva, specie nel caso dei denti del giudizio.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Ti potrebbe interessare
Primo

Primo

Prenota la tua visita

Prenota la tua visita in uno dei nostri Centri

Compilando il form verrai contattato in pochi minuti dal nostro servizio pazienti.

Oppure chiamaci al numero verde 800959564

X
Chiudi il menu