Dentista per bambini, come scegliere, dove andare

Andare dal dentista dovrebbe essere un’ottima abitudine da acquisire fin dalla più tenera età: è molto importante infatti che i genitori portino i loro figli in visita già intorno ai 5/6 anni. Molto spesso si tende invece a pensare che durante la fase di crescita dei denti da latte non occorra recarsi nello studio dell’odontoiatra: nulla di più sbagliato.

I bambini vanno educati alla figura del dentista, devono prendere confidenza con la sua poltroncina e capire fin da subito l’importanza della prevenzione. Già durante l’infanzia, infatti, possono presentarsi problematiche odontoiatriche di vario tipo, quali denti non allineati, sovraffollamento dentale, carie o malocclusione.

È proprio in tenera età dunque che il dentista deve avere modo di visitare i più piccoli, controllare lo stato di salute dei loro denti, delle gengive e del cavo orale. In questo modo, potrà assicurarsi che non ci siano problemi legati alla posizione del denti e controllare che non vi siano processi cariogeni in corso. In caso di problemi, invece, sarà fondamentale agire in maniera tempestiva per evitare peggioramenti, ad esempio ricorrendo all’utilizzo di un apparecchio ortodontico.

Non tutti però sanno che esistono dentisti specifici per bambini, un po’ come accade con i pediatri, ovvero figure specializzate nell’odontoiatria infantile che sanno come agire al meglio in base alle varie fasce d’età.

Ma come si sceglie il dentista per bambini? Cosa bisogna sapere e come preparare i più piccoli alla prima visita odontoiatrica? Ecco tutte le informazioni che possono essere utili per orientarsi al meglio.

Sei sicuro di saper curare la tua igiene orale?

Scopri i consigli dei nostri dentisti e mettiti alla prova!

Come scegliere il dentista per i bambini

Come abbiamo detto, la cura e il controllo della dentatura dei più piccoli richiede grande attenzione. Infatti, bisogna agire tempestivamente per evitare che determinati problemi dentali possano peggiorare con la crescita, fino a cronicizzarsi. I genitori possono dunque affidarsi ad un bravo dentista per bambini per la cura della bocca dei loro figli. Il dentista per bambini, ovvero il dentista pediatrico o pedodontista, è una figura altamente specializzata che si occupa della dentatura dei più piccoli dall’età pediatrica fino all’adolescenza. Agisce nel migliore dei modi in base alla specifica fascia d’età. Si passa dunque dalla prevenzione all’endodonzia, dall’odontoiatria conservativa alla chirurgia. Come scegliere però un ottimo dentista per bambini? Prima di tutto bisogna tenere conto del fatto che un buon dentista pediatrico non deve essere solo competente, ma soprattutto avere quella capacità di saper conquistare la fiducia dei suoi piccoli pazienti, al fine di ottenere la loro collaborazione durante i vari trattamenti.

Il pedodontista sa bene come approcciarsi ai bambini, come metterli a loro agio durante i vari controlli e conquistare la loro fiducia a partire da una semplice spiegazione di cosa farà, cosa sono i vari strumenti presenti nel suo studio e come li utilizzerà. Si creerà così un rapporto empatico che consentirà al dentista di svolgere al meglio il suo lavoro.

Oltre a conoscere le varie fasi della dentatura infantile, il pedodontista conosce anche le principali patologie che caratterizzano i bambini o gli adolescenti, come:

  • la perdita dei denti da latte o di un dente permanente causato da un trauma meccanico
  • la compresenza di un dente da latte e di un dente definitivo che spinge per fuoriuscire dalla gengiva
  • la presenza di un disallineamento dentale che richiedono il ricorso ad un apparecchio ortodontico
  • il bruxismo infantile

Tra questi rientrano anche carie trascurate che potrebbero causare ai più piccoli persino la perdita dei denti o la necessità, in casi estremi, di dover ricorrere alla terapia estrattiva. Perciò, il ruolo del dentista per bambini è fondamentale per garantire la salute orale dei più piccoli. Ma quando occorre portare i bambini dal dentista per la prima volta e come preparali psicologicamente? Vediamolo insieme nei prossimi paragrafi.

Cosa chiedere al dentista per la prima visita

Dentista per bambini

Durante la prima visita dal dentista, i genitori possono chiedere specifiche riguardanti lo stato di salute della bocca, dei denti e delle gengive dei propri figli. È possibile anche chiedere consigli sul modo migliore per spazzolare i denti dei più piccoli, sul tipo di spazzolino o di dentifricio da adottare. Inoltre, i genitori possono informarsi sull’eventuale ricorso all’apparecchio ortodontico ed esprimere dubbi o incertezze riguardanti eventuali problemi dentali familiari che potrebbero essere riscontrati, in futuro, anche nei propri figli. La visita dentistica dunque avrà un duplice obiettivo: da una parte rassicurare i genitori sulla corretta igiene orale dei loro figli e sullo stato di salute dei loro denti e, dall’altra, intervenire per risolvere sul nascere eventuali problemi odontoiatrici.

Prenota la tua visita in uno dei nostri Centri

Verrai contattato in pochi minuti dal nostro servizio pazienti.

Come preparare il bambino per la prima visita dal dentista

Innanzitutto, molti dentisti consigliano di portare i più piccoli a fare la prima visita intorno ai 5 anni. In questo modo, l’odontoiatra potrà accorgersi subito della presenza di eventuali problemi alla dentatura, correggendo o intervenendo laddove ce ne fosse bisogno in maniera tempestiva. Durante la prima visita dentistica, è importante che i piccoli vengano messi subito a loro agio in modo da associare la visita a una condizione serena e della quale non bisogna avere paura.

Da parte sua il dentista per bambini avrà cura di spiegare ai piccoli pazienti a cosa servono i vari strumenti che utilizzerà, conquistando la loro fiducia. Anche la fase pre-visita è fondamentale: già quando il bambino è a casa, i genitori possono fare molto per prepararlo e tranquillizzarlo. Possono infatti spiegargli l’importanza di recarsi periodicamente dal dentista per avere denti sani ed evitare, crescendo, di andare incontro a disturbi più fastidiosi, trasmettendo un senso di serenità e fiducia. A tal proposito, i genitori potranno essere d’esempio per i propri figli, raccontando le loro esperienze in prima persona, esaltandone gli aspetti positivi o portando l’esempio di amichetti o cuginetti che già vanno regolarmente dal dentista.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Ti potrebbe interessare
Primo

Primo

Prenota la tua visita

Prenota la tua visita in uno dei nostri Centri

Compilando il form verrai contattato in pochi minuti dal nostro servizio pazienti.

Oppure chiamaci al numero verde 800959564

X
Chiudi il menu