Prima visita dentistica

Prenota una visita nel nostro studio dentistico per conoscere la salute dei tuoi denti

La prima visita dal dentista non si scorda mai: quante volte abbiamo sentito questa frase? Eppure andare dal proprio odontoiatra non dovrebbe essere una preoccupazione, bensì un momento importante per la salute della nostra bocca e dell’intero organismo. Senza contare che prevenire, e dunque sottoporsi a visite di controllo periodiche, è meglio che curare. Infatti, prevenire eventuali problemi dentali o parodontale sul nascere permette di mantenere in salute la nostra bocca, evitando trattamenti più impegnativi. Inoltre, fare prevenzione permette di risparmiare tempo e denaro in cure successive e più complicate.
In realtà, si tratta di cose che sappiamo già, eppure spesso trascuriamo la nostra salute orale rimandando a tempo indeterminato un controllo odontoiatrico o, addirittura, la prima visita dal dentista. L’appuntamento con il dentista, invece, dovrebbe divenire prassi non solo negli adulti, ma anche nei bambini: molti problemi dentali si presentano infatti già durante l’infanzia e l’adolescenza.
Pertanto, tenere sotto controllo la situazione dell’apparato dentale è essenziale per assicurare una crescita sana. Ma quando bisogna effettuare una prima visita dal dentista? Ogni quanto ripeterla e quanto dura? In cosa consiste e quanto costa?
Scopriamo tutti i dettagli sulla prima visita dal dentista nei prossimi paragrafi.

PRENOTA LA TUA PRIMA VISITA

Quando effettuare una visita dentistica?

La prima visita dal dentista è fondamentale, così come lo è calendarizzare delle visite periodiche dal proprio odontoiatra per controllare lo stato di salute generale della bocca e intervenire immediatamente in caso di problemi dentali o gengivali. Ma quando si deve andare dal dentista?

Il primo controllo andrebbe fatto già a 5 anni, in modo tale da tenere sotto controllo la dentatura fin dall’inizio, correggendo eventuali problematiche sul nascere. Se da bambini non si è frequentata la poltrona dell’odontoiatra, allora il consiglio migliore è quello di iniziare quanto prima. 

L’obiettivo, infatti, è quello di controllare che la bocca sia in salute, le gengive sane e prive di segni di infiammazione e che i denti siano posizionati nel modo corretto, senza sovraffollamento o segni di bruxismo. Grazie alla visita dal dentista, manifestazioni dolorose, come mal di schiena o mal di testa, in alcuni casi possono essere correlate  a problemi dentali o di non allineamento delle arcate. Infine, è possibile individuare eventuali carie in stato iniziale, intervenire tempestivamente oppure identificare una certa predisposizione allo sviluppo di patologie particolari.

prima-visita-dentistica-primo

La visita dentistica è dolorosa?

La visita dentistica comporta in primis un’anamnesi del paziente e una valutazione globale dello stato di salute del cavo orale, dei denti e delle gengive. Tuttavia, il dentista potrebbe anche decidere di effettuare alcuni esami diagnostici o ulteriori accertamenti. In quel caso, verrà programmata un’altra visita, questa volta specialistica. La prima visita dentistica quindi non è da temere in quanto il medico specialista si occuperà di raccogliere le informazioni riguardanti il paziente, il suo stile di vita e le sue abitudini relative all’igiene orale. Scopriamo cosa avviene durante la prima visita odontoiatrica.

Come si svolge la prima visita odontoiatrica?

Durante la prima visita dal dentista vengono raccolte in primis tutte le informazioni utili riguardanti lo stato di salute del paziente, le sue problematiche o le eventuali patologie presenti in famiglia per le quali potrebbe esserci una certa predisposizione. Dunque, nella prima parte della visita, il dentista si occuperà di fare un’attenta anamnesi del paziente, facendogli una serie di domande al fine di raccogliere tutte le informazioni rilevanti. Terminata questa fase iniziale, inizierà la visita vera e propria. Durante la prima visita del dentista verrà visitato il cavo orale e osservati accuratamente denti, gengive e conformazione delle arcate. Se necessario, si potrà anche decidere di effettuare una panoramica dentale (ortopantomografia), a volte abbinata a una TAC 3D (in caso di dubbi diagnostici e riabilitativi per cui questo esame risulta fondamentale) o a una specifica radiografia latero/laterale del cranio (in caso di terapie ortodontiche).

Occorre ricordare che, durante la prima visita, il dentista valuterà anche l’elemento estetico, ovvero l’armonia del sorriso e l’eventuale presenza di denti che sporgono dalle labbra o creano malocclusioni. Inoltre, sarà possibile fare una valutazione dello stato gengivale del paziente per capire se è predisposto a problemi quali la parodontite.

Quanto tempo dura la prima visita dal dentista?

Tra anamnesi con raccolta delle informazioni relative alla storia clinica del paziente e visita vera e propria, la prima seduta di trattamento, solitamente, dura circa un’ora. In caso di esami più approfonditi, invece, il tempo potrebbero leggermente allungarsi.

Posso fare insieme visita e pulizia dei denti?

La pulizia dei denti professionale (seduta di igiene orale) permette la rimozione della placca e del tartaro, restituendo una bocca fresca e sana. Normalmente, viene sempre preceduta da una visita dentistica perché, prima di procedere con la pulizia, è importante che il dentista accerti lo stato di salute di denti e gengive. In caso di carie o infiammazioni, infatti, la pulizia potrebbe portare dolore al paziente o peggiorare situazioni infiammatorie già in atto. Ecco, quindi, che la migliore procedura è quella di eseguire una prima visita dal dentista seguita da una seduta di igiene orale. In base alla disponibilità del dentista, il paziente potrà decidere se fare entrambi i trattamenti nel corso di un’unica seduta, considerando che la visita richiede un’ora e la pulizia almeno altri 50 minuti.

Dopo quanto tempo dalla prima visita dentistica posso fare la successiva?

Le visite di controllo dal dentista devono essere periodiche, ma le tempistiche vengono decise direttamente dal dentista stesso. Ci sono pazienti che necessitano di visite di controllo più ravvicinate perché hanno problemi dentali che devono essere tenuti sotto stretto controllo oppure perché portano l’apparecchio che richiede aggiustamenti periodici. Coloro che non hanno particolari problemi, invece, possono sottoporsi a una visita di controllo successiva alla prima circa ogni 4-6 mesi. In linea di massima, due volte l’anno, è necessario sedersi sulla poltrona del dentista e sottoporsi a un’accurata visita di controllo, magari seguita anche da una seduta di igiene orale.

Quanto costa la prima visita dentistica?

Anche in questo caso, non c’è una risposta univoca: ogni dentista applica i propri costi che potranno variare in base ad eventuali esami che dovranno essere eseguiti.

PRENOTA LA TUA PRIMA VISITA

I NOSTRI CONSIGLI

Impronta dentale digitale

L’impronta dentale digitale è l’evoluzione più recente ed avanzata della classica impronta dentale di cui tutti abbiamo sempre sentito parlare. Per capire cosa sia l’impronta

Leggi Tutto »

Impianti dentali nei diabetici

Gli impianti dentali sono dispositivi con cui si effettuano i trattamenti di implantologia. Sono alleati per ricostituire la funzionalità masticatoria, estetica e fonatoria di un

Leggi Tutto »

Contatta i nostri centri

Oppure chiamaci al numero verde 800.959564
Chiudi il menu