Home Odontoiatria Quando togliere i denti da latte
Tempo di lettura

Quando togliere i denti da latte

I denti da latte, chiamati in gergo odontoiatrico denti decidui, caratterizzano la vita dei più piccoli fino a quando non cedono il passo ai denti permanenti, quelli che ci accompagnano per tutta la vita.

I denti da latte sono in totale 20 costituiti da 8 incisivi, 4 canini, 4 primi molari e 4 secondi molari. Solitamente i denti decidui sono un po’ piccoli in termini di dimensioni rispetto ai denti definitivi e presentano anche una sfumatura di colore leggermente diversa, più tendente al bianco latte appunto.

La nascita dei denti da latte inizia all’incirca intorno ai 6/8 mesi di età ed è un processo molto delicato durante il quale i bambini appaiono più nervosi e sofferenti, necessitando spesso di consumare alimenti freschi per dare sollievo alle gengive.

Fino ai 2 anni di età prosegue il processo di eruzione di tutti i denti da latte che completano così la dentizione decidua dei bimbi.

Naturalmente i denti da latte non spuntano tutti insieme, bensì seguono un ordine ben preciso. Di solito, il primo dente, che spunta intorno ai 6/8 mesi, è l’incisivo centrale inferiore seguito dagli incisivi centrali superiori e poi via via gli altri, con i secondi molari che compaiono per ultimi, tra i 24 e i 30 mesi di vita.

Molti genitori compiono l’errore di pensare che i denti da latte non necessitino di particolare attenzione, né che occorra toglierli se tardano a cadere o se si cariano. Questo avviene perché sono convinti che prima o poi debbano lasciare spazio ai denti definitivi e non occorra dunque l’intervento del dentista.

Prenota la tua visita in uno dei nostri Centri

Verrai contattato dal nostro servizio Clienti

In realtà, anche la dentatura decidua richiede molta cura e attenzione, perché in alcuni casi processi curiosi o infezioni a carico di tali denti possono compromettere la formazione e la comparsa dei denti permanenti che dovrebbero seguirli.

Quando cadono i denti da latte?

La caduta dei denti da latte può cambiare da bambino a bambino. In linea generale, i primi a cadere sono l’incisivo centrale inferiore. Questo cede il passo al suo sostituto definitivo intorno ai 6/7 anni. Stesso periodo temporale anche per la caduta dell’incisivo centrale superiore. A 7/8 anni invece iniziano a cadere l’incisivo laterale superiore e quello inferiore. A seguire, intorno ai 9-11 anni, cadono il primo molare superiore e inferiore e il canino inferiore. Infine, verso i 10-12 anni seguono la caduta del canino superiore, del secondo molare superiore e del secondo molare inferiore.

Quando preoccuparsi se i denti da latte non cadono?

Non sempre e non tutti i denti da latte, però, seguono in maniera puntuale questa tabella e può capitare che si renda necessario togliere i denti da latte. Infatti può succedere che la radice del dente da latte si riassorba troppo lentamente portando il suo sostituto permanente a erompere in una posizione non consona o a non erompere del tutto.

È buona norma dunque, intorno ai 6/7 anni di età, portare i bambini alla loro prima visita dentistica. In questo modo, l’odontoiatra avrà modo di controllare che il delicato passaggio dalla dentizione decidua a quella permanente avvenga nel modo corretto e possa intervenire in modo tempestivo in caso di problemi.

Prenota la tua visita in uno dei nostri Centri

Verrai contattato dal nostro servizio Clienti

Estrazione dente da latte

Quando i denti da latte ritardano la loro caduta e sono interessanti dalla presenza di denti permanenti che spingono invece per spuntare, ma non trovano spazio, allora è il momento di ricorrere all’estrazione.

L’estrazione dei denti da latte richiede molta cura ed è bene che venga seguita da un odontoiatra esperto in bambini, in grado di approcciarsi al meglio con i piccoli pazienti. Solo così si potrà ottenere la piena collaborazione del bambino e farlo stare il più possibile tranquillo.

L’estrazione dei denti da latte solitamente non è difficoltosa, perché i denti decidui non sono dotati di radici particolarmente lunghe. Tuttavia, questa operazione richiede una particolare attenzione soprattutto nella fase successiva. L’estrazione del dente da latte, infatti, specie se presenta già il dente permanente leggermente fuoriuscito dalla gengiva sottostante, richiede un riallineamento e un controllo periodico.

Alcune volte la caduta ritardata dei denti da latte favorisce la fuoriuscita dei denti permanenti in una posizione nota come “doppia fila”, ovvero denti permanenti che si allineano accanto a quelli da latte, risultando dunque non in posizione naturale.

È fondamentale che i genitori si rivolgano all’odontoiatra sia in caso si renda necessario estrarre i denti da latte perché questi ritardano la loro caduta, sia nel caso siano invece interessati da una caduta anticipata.

Quali sono i denti da latte che non si cambiano?

Abbiamo visto che di norma i denti decidui seguono una certa tabella di marcia nel loro processo di fisiologica caduta e sostituzione da parte dei denti permanenti. Ma ci sono dei denti decidui che non cadono? No, i denti da latte cadono tutti entro i 12/13 anni di età o perlomeno così dovrebbe essere. Ci sono però denti da latte che rimangono al loro posto, senza lasciare spazio a quelli definitivi. Ciò può rappresentare un problema non di poco conto che richiede l’immediato intervento dell’odontoiatra.

Non bisogna fare l’errore di pensare che non sia un problema la caduta ritardata dei denti da latte, perché in realtà può compromettere la crescita corretta della dentatura definitiva.

I nostri consigli per te