Perché rimuovere i denti del giudizio

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

I denti del giudizio sono gli ultimi nelle arcate dentarie, chiamati anche ottavi o terzi molari. Possono comparire nella maggiore età oppure rimanere all’interno dell’osso.

I denti del giudizio sono quattro, compaiono due in arcata mascellare superiore e due in arcata mandibolare inferiore. Può capitare che non si sviluppino tutti o anche nessuno.

È possibile confermare o meno la presenza attraverso un esame radiologico.

È sempre necessario estrarre i denti del giudizio?

Oggi gli odontoiatri hanno assunto una posizione più conservativa in merito all’estrazione dei denti del giudizio.

Se si sviluppano normalmente e sono posizionati nell’arcata con il tessuto gengivale ben formato, si tende a preservarli. Ci sono alcune condizioni favorevoli in base allo spazio in cui gli ottavi vengono lasciati e curati perché sono utili alla masticazione.

In alcuni casi gli ottavi sono erotti in arcata, in toto o solo in parte o inclusi in maniera totale o parziale e si decide di toglierli.

Sei sicuro di sapere come curare la tua igiene orale? Mettiti alla prova con  il nostro test!

Capita spesso che non vi sia abbastanza spazio per lo sviluppo dei terzi molari in arcata, in questi casi la loro fuoriuscita può risultare difficoltosa o impossibile.
Vi sono condizioni in cui i denti del giudizio possono produrre infiammazioni o essere causa di carie agli elementi dentari vicini, di conseguenza in questi casi si consiglia quindi l’estrazione.

Lo sviluppo delle radici e l’aumento della densità ossea incidono nella difficoltà delle estrazioni dei terzi molari.

L’estrazione si consiglia in età adolescenziale o comunque quando c’è la possibilità di una fuoriuscita non corretta dei denti o la possibile loro inclusione in futuro.

In quali casi è inevitabile procedere con l’estrazione?

  • quando l’assenza di spazio è evidente per la fuoriuscita in arcata: in questo caso si interviene con un’estrazione prima della loro comparsa; quindi a solo sviluppo parziale ed a completa inclusione ossea, in modo da rendere l’estrazione meno traumatica e meno invasiva;
  • quando è necessario in campo ortodontico per recuperare spazio in arcata.
  • quando in fase di sviluppo i denti del giudizio assumono un’inclinazione non corretta;
  • quando i denti compaiono in maniera parziale e una parte della corona rimane sotto la gengiva: in questi casi si possono formare ascessi o infiammazioni a causa dovuti a un’errata pulizia e a fenomeni cariogeni che coinvolgono anche il molare vicino;
  • quando i denti del giudizio sono responsabili di tasche parodontali e dunque influiscono sul riassorbimento osseo;
  • quando sono ritenuti responsabili dell’affollamento dentale;
  • quando li si ritenga responsabili di patologie odontoiatriche.

Spesso è consigliabile effettuare, oltre alle tradizionali ortopantomografie, anche la TAC-Dentascan, che permette di avere una visione tridimensionale sia degli elementi dentari che delle strutture a loro vicine.

Durante l’intervento può essere estratto un singolo dente per volta o entrambi i denti del giudizio dallo stesso lato per volta. Se necessario può essere effettuato in anestesia locale, sedazione o anestesia generale, negli ultimi due casi si consiglia l’estrazione di tutti e quattro i denti del giudizio contemporaneamente. Dopo l’intervento chirurgico è normale avere gonfiore nella zona interessata. In alcuni casi può risultare difficoltosa l’apertura della bocca per alcuni giorni, si consiglia quindi di non forzare l’apertura.

Quali sono le possibili complicanze?

  • Infezioni: come in qualsiasi intervento chirurgico nel cavo orale per la ricca flora batterica presente. È opportuno fare una seduta d’igiene orale pochi giorni prima dell’intervento ed attenersi alle prescrizione che verrà effettuata per la terapia antibiotica.
  • Eccezionalmente, per l’intimo rapporto preesistente possono aversi lesioni ai denti adiacenti.
  • Comunicazione con il seno mascellare: è questa un’evenienza possibile per gli ottavi inclusi superiori che viene normalmente risolta con adeguata sutura.
  • Residui radicolari: se il dente del giudizio ha radici particolarmente lunghe o sottili o con curvature anomale, o in intimo rapporto con le strutture nervose, può essere consigliabile, per non demolire troppo l’osso da un lato o rischiare lesioni sensitive permanenti dall’altro, di lasciare dei frammenti in sede; normalmente non ne viene ostacolata né compromessa la guarigione della ferita.
  • Nei pazienti anziani, o con grave osteoporosi, o con ampie lesioni cistiche vi può essere il rischio di frattura mandibolare. È comunque consigliabile evitare, nei giorni dopo l’intervento sempre l’attività sportiva ove vi sia la possibilità di contatto fisico.
  • Disturbi della sensibilità, per la vicinanza che, normalmente c’è con il nervo linguale e che ci può essere anche con il nervo alveolare inferiore. Sono riportate complicanze sensitive, in letteratura, e queste sono più frequenti se:
    • età paziente adulta, per il completo sviluppo radicolare;
    • inclusioni totali o parziali con inclinazione dentale;
    • intimo contatto con le strutture nervose.

L’ago da anestesia, l’edema e l’ematoma post chirurgico, il traumatismo di strumenti per la rimozione degli ottavi possono anche determinare complicanze sensitive.



test cura igiene orale
tommaso

tommaso

Questa è la Biografia di tommaso
Chiudi il menu